15. dicembre 2019 - 16:00
Condividi su:

Nikita diamole una nuova vita | Palermo, Italy | domenica, 15. dicembre 2019

Cari amici, lei è Nikita e si trova a Palermo.
Ora vi parlerò di lei ...di quando fu trovata...di cosa le è successo e del perchè abbiamo deciso di aiutarla...

Nikita fu trovata verso febbraio da una famiglia di Partanna ( Palermo ) , era riversa in mezzo alla strada che non camminava , la famiglia non avendo possibilità di farla curare le fece fare delle lastre che diedero esito negativo per quanto riguarda fratture ossee , e se la portarono a casa .
Purtroppo Nikita era gia paralizzata dietro nel treno posteriore , non si alzava da terra e aveva piaghe da decubito.
Contattarono maria grazia giuffre che chiamò Michele Mirto per mettersi in contatto con loro .
Fu in quel momento che Michele andò da loro , vide la gravita della situazione , e portò Nikita presso animal hospital a Palermo per valutare e fare diagnosi.
Li , non avendo,idea di cosa potesse avere , ma ritenendo grave la situazione , si decise di fare una tac presso la clinica primavera a palermo.
Dalla tac non emerge nulla , per cui , per disperazione , si tenta di dare come diagnosi una " possibile,mielopatia su base degenerativa "
Si decide di fare una serie di esami completi del sangue , per escludere neospora , un parassita che può provocare paralisi e toxoplasmosi , altra malattia che da sintomi neurologici , ma dagli esami emerge solo un quadro di leishmania con valore piuttosto alto , altra aggravante .

Dopo consulti vari , si decide per un' ultima carta , la Palermo vet che,si appoggia al prof. GANDINI , neurologo di fama nazionale , si prenota la visita li e si attende che il prof. Gandini scenda da Bologna per vederla.
Gandini non riesce nemmeno , sulla base della tac che,non dava segni particolari , a capire la natura della paralisi , cosi si decide di procedere con ulteriore esame : la risonanza magnetica .
Dalla risonanza ,finalmente , si scopre la diagnosi: diverticoli subaracnoidei , raccolte di liquido sull' aracniide che vanno a comprimere il midollo dando paralisi e segni neurologici .
A questo punto , si pensa dove far operare al piu presto Nikita , e si decide di portarla dal professor Barillaro , a reggio calabria, di grande fama esperto in operazioni molto delicate come questa.
Nikita, in condizioni critiche, piena di piaghe, viene portata a casa di Michele e pochi giorni dopo parte alla volta di Reggio Calabria, Nikita fa due trasfusioni poiché risultava molto anemica e non idonea a subire un intervento e un anestesia.
Dopo sei giorni viene operata , trasfusa durnte l' intervento,con sacche di sangue di altissimo,livello , e tutto,procede benissimo .
Una volta tornato per riprenderla , Nikita inizia una terapia che fra antibiotici ( cefacuretabs ) , antidolorifico , spray e pomata per le piaghe , pillole per leshmania , e altre piccole cose immunostimolanti , erano circa 8_9 pillole al giorno.
Dopo un 15_20 giorni dell'intervento , si inizia a trattare la leishmaniosi, viene eseguiti biochimico ed elettroforesi ed injzia la,terapia con milteforan , associata a nefris , perche i valori renali , sopratutto fosforo sono disastrosi, ovviamente anche terapia con allopurinolo.
Dopo il mese di terapia la leishmania si normalizza , il titolo è quasi nella norma e Nikita sta decisamente meglio .
Purtroppo però ancora non si alza da terra da sola e non cammina come dovrebbe , e cosi inizia un ciclo di fisioterapia, ma purtroppo dopo de mesi di terapie non si arriva al risultato sperato,
sebbene Nikita acquista maggiore fluidità e riesce a camminare per periodi lunghi ....ma non è tuttavia un cane autosufficiente .

Questo è quanto stato fatto fino ad oggi per Nikita...
Ora la piccola è sotto la nostra protezione perchè con Michele abbiamo deciso di provarci a darle il futuro che merita.
Si trova in uno stallo a pagamento dove viene seguita molto bene, stiamo predisponendo nuova visita ortopedica e neurologica per vedere lo stato delle cose, e si dovrà necessariamente ricorrere ad un ricovero presso una struttura specializzata per farle eseguire sedure di fisioterapia per aiutarla a rimettersi in piedi.

Tutto questo ha per noi un costo elevatissimo, il solo stallo costa 300 € al mese a cui dobbiamo aggiungere i suoi farmaci e faldoni per tenerla pulita, quando inizierà la fisioterapia i costi saranno ancora maggiori.

Ma noi ci crediamo a questo miracolo e sappiamo che Nikita tornerà a camminare...

Cerchiamo assolutamente persone che vogliamo correre con noi inseguendo questo sogno...
aiutiamo Nikita percè lei se lo merita.

Chi vuole essere dei nostri??

per aiuti:
Poste pay 5333 1710 1365 8626
Intestata a lenzi alessia LNZLSS75H70A459H
iban
IT84U0760105138291999192004
paypall
occhineri75@libero.it

alessia 3495537186