28. agosto 2020 - 11:00
KAD Kalsa Art District, Palermo
Condividi su:

ARKAD per Manifesta 13 | venerdì, 28. agosto 2020

KAD (Kalsa Art District) presenta per Manifesta 13 Les Parallèles du Sud, l’evento collaterale ARKAD, a cura di Dimora OZ e Analogique.

ARKAD apre il 28 agosto con un progetto online che raccoglie diversi contributi e la documentazione delle produzioni artistiche site a Marsiglia e in varie località europee. ARKAD è concepito come un dispositivo complesso di partecipazione e comunicazione, di produzione e ricerca artistica. Il display presente a Marsiglia è un’arca fisica e simbolica che accoglie e raccoglie progetti e che racconta le sinergie che si sviluppano nel Mediterraneo e, in particolare, nel Meridione.

ARKAD intende proseguire la sua riflessione specifica e la sua caratteristica espositiva e di ricerca al di là del singolo evento culturale, ponendosi come esercizio ed esperienza diffusa, capace di continuare nel tempo e ospitare altri progetti e artisti. Il progetto si articola fra la città di Marsiglia e altre località che vi aderiscono sotto il termine Kin Line Legacy, ovvero un network di spazi e progetti che compartecipano dai rispettivi territori alla programmazione di ARKAD. Il tema di ARKAD rappresenta l’architettura della prossimità, ovvero come la vera vicinanza non sia ascrivibile solo al mondo fisico e materiale, ma che si realizza su geometrie sottili e non euclidee, oltre le coordinate spazio-temporali. Secondo le suggestioni di Timothy Morton la realtà è costituita da iperoggetti che trascendono la localizzazione e sono percepiti per fasi. L’Economia, il riscaldamento globale e le pandemie sono processi complessi la cui realtà supera il concetto di interconnessione e causa ed effetto. Fenomeni quali l’Entanglement della fisica quantistica rivelano come porzioni di materia possano comunicare e sincronizzarsi anche a grandi distanze. ARKAD mette in dubbio la geometria di meridiani e paralleli, riflettendo su un nuovo esercizio di percezione della realtà. Il dispositivo posto a Marsiglia rappresenta un display dove i contributi correlati ruotano attorno a forme geometriche dinamiche e osmotiche. Il termine ARKAD suggerisce l’elemento architettonico che crea passaggi e convergenze, oppure realtà aumentate e software di progettazione. Attraverso tutte queste suggestioni, ARKAD dichiara che la dimensione del mondo si rivela nella sinergia e nella prassi, ovvero in una prospettiva capace di superare i limiti fisici attraverso - come suggerisce Donna Haraway - making Kin, la generazione di legami oltre i lignaggi, il prendersi cura degli altri, superando le divisioni di razza, sesso, nazione, genere, specie e morfologia. Se l’arca vedeva la costruzione di un futuro in un processo binario di copia e coppia, ARKAD è un progetto che afferma proprio il superamento dei confini per approdare in una terra che deve ancora emergere, eppure è già sotto i nostri piedi.

KAD è un network di artisti, curatori, spazi e operatori culturali all’interno dell’area della Kalsa (Kalsa Art District) sviluppatosi a partire dagli eventi attivati nel 2018 (Manifesta 12, Palermo Capitale Italiana della Cultura). KAD risponde al bisogno del contesto socio-culturale e urbanistico del centro storico di una visione organica e sistemica del patrimonio e dei beni materiali e immateriali. KAD è composto da Arteria Mediterranea, Dimora OZ, Église, L’Altro Artecontemporanea, MeNO, PUSH, Rizzuto Gallery, Giuseppe Veniero Project.

Dimora OZ è un gruppo artistico-curatoriale transmediale diretto da Lori Adragna e Andrea Kantos. Dimora OZ ha curato, coordinato e coadiuvato numerosi eventi collaterali di Manifesta 12 ed è vincitore dell’Italian Council.

Analogique è uno studio che attraverso la pratica curatoriale opera nel campo dell’architettura, del paesaggio e del progetto urbano. Dopo aver partecipato a diversi progetti alla Biennale di Venezia, al Farm Cultural Park e Manifesta 12 per Manifesta 13 ha curato il dispositivo pneumatico di ARKAD

ARKAD è un progetto che comprende un dispositivo itinerante a Marsiglia a cui sono connesse produzioni artistiche, pubblicazioni e workshop. Il programma, sotto il termine Making Kin/Legacy, prevede una serie di interventi, partecipazioni e azioni artistiche diffuse in varie località del sud Europa.



Artisti visivi, performativi e transdisciplinari: ANDRECO (Andrea Conte), Sonia Andresano, Andrea Aquilanti, Roberto Boccaccino, Peter Bracke, Stefan Bressel, Simone Cametti, Barbara Cammarata, Eleonora Chiesa, Carla Costanza, Coast Guard Girrls (Marjatta Oja and Riikka Kevo), Francesco Cucchiara, Gino D'ugo, Daniele Di Luca, Gandolfo Gabriele David, Église (Iole Carollo, Alberto Gandolfo, Peppe Tornetta, Simona Scaduto, Nicola Di Giorgio), Natascia Fenoglio, Mauro Filippi, Koen Fillet, Pietro Fortuna, Daniele Franzella, Markis Heinsdorff, Andrea Kantos, Christian Parolari, Leandro Pisano, Giacomo Rizzo, Konrad Ross, Alberto Ruce, Isabella Pers, Tiziana Pers, Georges Salameh, Daniela Spaletra, Matteo Spertini, Michele Tiberio, Michele Vaccaro, Vacuamoenia (Fabio R. Lattuca, Pietro Bonanno), Leena & Oula Valkeapää. Performer: Francesca Alberti, Francesca Arri, Elena Bellantoni, Alessandro Chemie, Giovanni Gaggia, Luigi Presicce, Tomasz Szrama, **** Lisa Tina, Massimo Uberti, Virginia Zanetti.



Curatori, architetti, operatori culturali: Lori Adragna, Roberto Albergoni, Analogique (Claudia Cosentino, Modesta Di Paola, Dario Felice, Antonio Rizzo), Nicola Bravo, Rosa Cascone, Maria Letizia Cassata, Cristina Dinello Cobianchi, Gianluca D'Incà Levis, Andrea Kantos, Vera Mormino, Santa Nastro, Leandro Pisano, Sasvati Santamaria, Pier Paolo Scelsi, Giuseppe Veniero.



Spazi, progetti e partner: aA29 Project Room, AlbumArte, Analogique, Arteria Mediterranea, Bridge Art_residency, Casa Sponge, Dimora OZ, Dolomiti Contemporanee, Église, Fabula lab/Museo Archeologico Atella, Fourteen ArTellaro, GAD, KAD, KaOZ, Liminaria, Una marina di libri/L’Altro ArteContemporanea, MeNO, Museo di Santa Croce a Genova, Oratorio Santa Maria (Selàa), Orto Botanico di Palermo, Parco Archeologico di Selinunte, PUSH, RAVE, Rizzuto Gallery, Scuola Popolare Villa Romana, Giuseppe Veniero Project. Media Partner: Artribune.



ARKAD sarà presentato a Palermo come parte del progetto ART di MeNo.