03. ottobre 2019 - 10:00 fino 11:00
Condividi su:

RESTYLING DI STRUTTURE RICETTIVE - MATERIALI FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE | TalentLab | giovedì, 03. ottobre 2019

(Nell'immagine panneli in metacrilato)
RESTYLING DI STRUTTURE RICETTIVE                                                       MATERIALI FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE
Legno, argilla e pietra sono stati i primi materiali ad essere lavorati dall’uomo. Oggi non è possibile conoscerli tutti.
È anche grazie alla materia che siamo creativi, costruiamo oggetti che tocchiamo, guardiamo e che ci trasmettono emozioni. Levigato, vellutato, sabbiato o bocciardato, riflettente, opaco. A seconda di come si abbinano possono generare benessere o fastidio, sensazioni che fanno decidere se restare o a andare. Colori, forme, luci e riflessi trasformanio uno spazio in luogo in grado di far vivere un’esperienza. Ed è questo che i viaggiatori cercano, l'esperienza di una nuova quotidianità, nuovi ricordi da raccontare.
Diventa fondamentale offrire un ambiente accogliente e capace di trasmettere quel che siamo e quello che vogliamo raccontare al cliente: azione, tranquillità, tradizione, innovazione, sostenibilità, situazioni in cui gli ospiti si possono immedesimare o in cui possano riscoprirsi
Per questo i materiali nelle ristrutturazioni giocano sempre più un ruolo dominante. La tecnologia per la loro produzione evolve a ritmi velocissimi, così anche le prestazioni offerte. Legno, resina, metallo, laminati, materici, ceramica, ognuno con la propria caratteristica che contribuisce all’insieme. Da qui l’idea di organizzare alcuni momenti per presentare alcuni degli ultimi materiali, uno scorcio sulle possibilità esistenti, uno scambio di impressioni dove i committenti potranno cogliere spunti utili ad immaginare i nuovi luoghi che vorranno creare, i progettisti potranno cogliere impressioni dai possibili committenti senza l’influenza di un rapporto professionale in corso che, a volte, ne influenza le dinamiche.
Il relatore Maurizio Basso è esperto dei materiali grazie alla continua ricerca che svolge per Italignum, una forte realtà a Padova che propone una vasta selezione di materiali per i progetti più innovativi. Italignum un’azienda che si approccia al mercato aprendo i propri magazzini e i propri showroom ai professionisti che vogliono accompagnare i committenti in un’esperienza fisica di scelta dei materiali.
Due incontri che sono la continuazione di un percorso iniziato da Andrea Costa, artigiano del legno e restauratore di mobili antichi, in collaborazione con il Talent Lab. Il progetto è nato per creare momenti in cui la creatività si incontra con alcune delle sue applicazioni. Tutto è partito dall’aspetto più pratico proponendo alcuni corsi di falegnameria base che hanno evidenziato un grande interesse alla falegnameria. Un grande mondo che, come affermavano i vecchi falegnami, non si è mai finito di apprendere.
I corsi prevedono innanzi tutto l’utilizzo di attrezzi manuali come seghe, raspe e lime, trapani avvitatori. Si vuol dimostrare che con un minimo investimento è possibile realizzare  qualsiasi lavoro.In seguito verranno affiancati altri moduli che continueranno la scoperta dell’attrezzatura manuale, dell’affilatura delle lame, dei materiali. Durante il percorso si scoprirà come i vecchi falegnami fossero in grado di realizzare dei veri e propri capolavori anche senza l'uso di energia elettrica. Antichi makers che con attrezzi di base trasformavano il legno, il materiale che un tempo dominava.
L’incontro fra la tradizione e la tecnologia in questo caso sta proprio nei tanti nuovi materiali che spesso possono essere lavorati anche con le tecniche apprese nei corsi di falegnameria, basta un po’ di creatività e tanta voglia di sperimentare. Quella di creare un oggetto è un’esperienza che non lascia indifferenti, quando si comincia spesso scatta la voglia di alzare il livello di difficoltà. Un nuovo modo per impegnare il tempo libero, divertente ma utile.