21. novembre 2020 - 15:00 fino 16:00
Museo Stefano Bardini, Florence
Condividi su:

Visita: Il Museo Bardini di Firenze | sabato, 21. novembre 2020

SABATO 21 NOVEMBRE

ore 15.00

Il Museo Bardini di Firenze

Dove: Via dei Renai, 37 – FIRENZE.

Contributo: € 10 a persona + biglietto di ingresso al museo



Il museo costituisce il lascito testamentario dell’antiquario Stefano Bardini (1836-1922) – soprannominato “il Principe dei Mercanti d’arte” fu artista, esteta, collezionista, restauratore e avanguardista – al Comune di Firenze. Il Bardini, come mercante d’arte, raccolse molte collezioni private, aiutando, di conseguenza, a rinforzare le collezioni di molti musei; gli fu riconosciuta la capacità di avere un occhio molto critico e di saper scovare tesori nascosti, molti dei quali oggi adornano i musei che noi tutti visitiamo.



Bardini costruì il palazzo che ospita il museo nel 1880: acquistando un complesso di edifici di varie epoche li trasformò in un imponente palazzo di gusto eclettico utilizzando per la costruzione materiali di spoglio (pietre medievali e rinascimentali, architravi scolpite, camini e scalinate, nonché soffitti a cassettoni dipinti). Il palazzo fu ristrutturato in modo significativo dal Bardini per esporvi la sua collezione ai potenziali acquirenti; nel farlo, rivoluzionò il modo di esibire gli oggetti antichi: si rese conto, infatti, che non sempre venivano acquistati per l’importanza del pezzo stesso, ma anche per il contesto in cui erano inseriti e che riuscivano a ricreare. Ecco perchè decise di mescolare ed abbinare in modo sapiente oggetti diversi per creare una sorta di “scena”, mettendo insieme manufatti romani con focolari in pietra del XVI° secolo o sarcofagi in marmo con oggetti d’armeria.



Il museo ospita un eclettico insieme di più di 3.600 opere, tra pitture, sculture, armature, strumenti musicali, ceramiche, monete, medaglie e mobili antichi. Fra le opere più importanti: la ****** di Tino di Camaino, la Madonna dei Cordai di Donatello e una Madonna col Bambino attribuita allo stesso artista, il Crocifisso di Bernardo Daddi, terrecotte invetriate della bottega dei Della Robbia, il San Michele Arcangelo di Antonio del Pollaiolo, il Martirio di una santa di Tintoretto, il Cinghiale di Pietro Tacca dalla fontana del Porcellino (l’originale).



Prenotazione obbligatoria.

VISITA RISERVATA AI SOCI ARTEMIA



Per Info e prenotazioni:

https://bit.ly/2RyXbbr

email

340 510 1749

Rispondiamo al telefono nei seguenti giorni ed orari:

il MART. MERC. e VEN. 9-15, il GIOV. 9-18 e il SAB. 10-13.

La sede dell’Associazione è aperta nei seguenti giorni ed orari:

MARTEDÌ 9.00 – 13.00

MERCOLEDÌ 9.00 – 13.00

GIOVEDÌ 9.00 – 13.00

VENERDÌ 9.00 – 13.00

Il servizio sarà erogato da Prato Cultura Soc. Coop.